Non amo la spada per la sua lama tagliente, né la freccia per la sua rapidità, né il guerriero per la sua gloria. Amo solo ciò che difendo...

MELONI A BOLOGNA PER DIRETTIVO REGIONALE DI FDI-AN: ELEZIONI SUBITO E CENTRODESTRA UNITO

 

Elezioni Subito
MELONI A BOLOGNA PER DIRETTIVO REGIONALE DI FDI-AN: ELEZIONI SUBITO E CENTRODESTRA UNITO

 

Venerdì pomeriggio si é riunito il Direttivo Regionale di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, alla presenza del Presidente Nazionale del Partito, On. Giorgia Meloni, per analizzare la situazione legata alle imminenti elezioni in Emilia-Romagna. Nell’ occasione, un gruppo di militanti di Gioventù Nazionale Bologna, movimento giovanile di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, ha srotolato uno striscione dal Palazzo della Regione con scritto “Elezioni Subito!”.

A spiegare l’iniziativa ci pensa Fabrizio Nofori, che di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale è il portavoce provinciale di Bologna:

“Dal giorno 23 luglio, data delle dimissioni di Vasco Errani, è passato più di un mese e mezzo, ed ancora non si sa quando si tornerà a votare per eleggerne il successore. Tutti i cittadini emiliani sono in attesa che si risolvano le guerre intestine al Partito Democratico. Soltanto allora, quando avranno chiuso i loro giochetti interni, potremo, forse, sapere la data delle elezioni.
Poco male, se non fosse che nel frattempo i cittadini continuano a pagare. Perchè fino all’insediamento del nuovo consiglio regionale, infatti, secondo la vigente normativa della Regione, i consiglieri regionali continuano a percepire lo stipendio come se nulla fosse successo, mantenendo uffici, collaboratori e benefit.
Proprio come se Errani non si fosse dimesso e la magistratura non avesse messo nero su bianco che è un ladro. Lui. Ma i partiti che continuano a menare il can per l’aia come possono essere definiti?
Fratelli d’Italia, quindi, attraverso questa azione, vuole portare a conoscenza di tutta l’opinione pubblica quello che succede in Regione. E non è che l’inizio di una campagna che ci vedrà impegnati con banchetti e raccolta firme finchè non verrà stabilita la data delle elezioni e non si porrà fine a questo scempio.”
Nel corso della riunione l’analisi della situazione fatta con Giorgia Meloni ha portato alla riflessione sul fatto che l’Emilia Romagna, Regione dove il malgoverno e il malaffare hanno portato alla condanna ed alle conseguenti dimissioni del governatore Pd Errani, possa essere un laboratorio per il centrodestra, un punto di ripartenza che possa vedere l’intera coalizione riunita attorno alla possibilità di strappare la Regione al malgoverno della sinistra.
Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, quindi, chiede alle altre forze di centrodestra di palesare la loro volontà, di manifestare se sono alternativi alla sinistra solo a parole o, come auspicato, anche nei fatti. E chiede di darsi una scadenza. La data delle elezioni, si spera, si avvicina, e chi eventualmente mirerá a sfasciare il centrodestra, consegnando la Regione nuovamente al Pd, dovrà poi assumersene la responsabilità di fronte agli elettori ed ai cittadini emiliano-romagnoli.

 

 Giorgia Meloni a Bologna
This post was written by

Lascia un Commento